Italiano

Partito Conservatore Slovacco


promuove valori cristiani e nazionali

Siamo basati sull'idea di uno sviluppo sostenibile e perseguiamo tre priorità strategiche:

1. Sicurezza

2. Sviluppo

3. Prosperità

L'obiettivo della nostra politica è realizzare la visione di uno stato funzionale in cui prosperità e persone oneste prosperano. Lo stato di funzionamento deve garantire la sicurezza dei cittadini prima - all'interno e all'esterno del paese. Sosteniamo l'idea di un'Europa collaborativa ma non unificata. Promuoviamo la politica degli Stati sovrani, la cooperazione economica e un'efficace cooperazione in materia di sicurezza, a condizione che le istituzioni che operano in questo campo mirino davvero alla sicurezza dei cittadini europei e non al controllo dei cittadini e ai danni alle loro vite privato.

Priorità del programma

Sulla base del suo programma e tenendo conto delle esigenze della popolazione slovacca, il Partito conservatore slovacco si concentrerà in particolare sulla risoluzione di problemi acuti:

1. Rafforzare la cooperazione con i paesi di Visegrad sulla politica di immigrazione.

2. Ritorno al sistema elettorale della Repubblica slovacca dal 1998

3. Migliorare il funzionamento della polizia, dell'ufficio del pubblico ministero e della giurisdizione per consentire un'indagine approfondita e la successiva repressione di tutte le violazioni del principio della tolleranza zero, con pene più severe per diffamazione, diffusione pubblica di avvertimenti e rapporti di odio.

4. Legislazione e creazione di regole per il lobbing.

5. Introduzione della responsabilità materiale e penale dei funzionari eletti nella gestione dei fondi pubblici.

6. L'ancoraggio legale e l'attuazione pratica di un sistema di supporto per la costruzione di alloggi in affitto.

7. Adozione di un ordine di carriera nello Stato e nel servizio civile e introduzione di codici di governo e servizi pubblici la cui violazione darà luogo a sanzioni, ad eccezione del divieto di esecuzione di questo servizio.

8. Determinare i coefficienti di compensazione degli attori costituzionali, dei rappresentanti statutari delle imprese statali e delle imprese con la partecipazione dello Stato e dei membri dei loro organi di gestione e di controllo, compresa la determinazione dei servizi e benefici tangibili e intangibili.

9. Creazione del Ministero del digitale e del Ministero del turismo.

10. Digitalizzazione e dematerializzazione della pubblica amministrazione e dello stato con il più alto livello di sicurezza.

11. Stabilire un sistema che consenta ai bambini adulti di contribuire finanziariamente ai genitori in pensione sotto forma di detrazione dalle loro entrate.

12. Riforma l'educazione in modo che la Slovacchia non diventi un'officina di altri paesi.

13. Accettazione e attuazione graduale delle misure di adattamento ai cambiamenti climatici in tutti i settori pertinenti della società.

14. La creazione e la promozione di tali sistemi di gestione dei rifiuti che consentiranno alla Repubblica slovacca di adempiere ai propri obblighi internazionali in questo settore, compresa la promozione del recupero di energia dai rifiuti.

15. Migliorare il funzionamento del sistema di sussidi in agricoltura per promuovere la produzione reale nelle colture e nella produzione di bestiame.

16. Completamento dell'infrastruttura di trasporto e riorganizzazione del trasporto pubblico al fine di migliorare la mobilità della popolazione slovacca e consentire l'accessibilità in tutte le regioni.

Osservazioni e prospettive sul concetto di politica estera preparata

Sosteniamo l'idea di un'Europa cooperativa, ma non unificata, formulata da R. Schuman, A. de Gasperi e K. Adenauer.

Ci opponiamo alla filosofia del post-comunismo globalista attraverso il genere e teorie simili.

Siamo contrari all'ideologia del liberalismo di estrema sinistra, che consideriamo lo stesso pericolo dell'estremismo di destra.

Perseguiamo la politica degli Stati sovrani, la cooperazione economica e un'efficace cooperazione in materia di sicurezza, a condizione che le istituzioni che operano in questo settore mirino davvero alla sicurezza dei cittadini europei e non al controllo dei cittadini e all'interferenza con le loro vite privato. La mancanza o la perdita diretta della volontà significa sconfitta.

Se, in base alla Costituzione, la Slovacchia dichiara la sua tradizione cirillico-metodica, è imperativo prendere immediatamente il suo posto in una guerra mondiale senza precedenti contro il cristianesimo con atti pubblici, rumorosi e in particolare concreti.

Non accetteremo mai arroganti tentativi di influenzare eventi domestici dall'estero di qualsiasi grande potere. Diamo un ruolo molto importante alle organizzazioni di intelligence nazionali, in particolare al controspionaggio economico.

Riteniamo che l'attuale politica migratoria dell'UE sia catastrofica e suicida, in quanto rappresenta la maggiore minaccia per la sicurezza di tutti gli Stati membri dell'UE.

È assolutamente necessario distinguere chiaramente i termini "legale" e "illegale" dell'immigrazione.

È inaccettabile che gli sforzi neocoloniali siano presentati come una diffusione della democrazia. Non dobbiamo rinunciare all'estorsione per adottare una politica politicamente "corretta" e rispettare le direttive euro-atlantiche.

Consideriamo l'entrata della Slovacchia nel "cuore" dell'Europa come chimera. Il nucleo dell'Europa è stato a lungo stabilito, e nessun altro, per quanto obbediente e amichevole a tutti gli ordini, entrerà in esso.

Collaboriamo con tutte le forze all'interno di V4 che agiscono per la sovranità dello stato.

Stiamo considerando di rendere la politica estera più qualificata per difendere efficacemente gli interessi della Slovacchia, contrariamente all'attuale pratica di dare priorità al clientelismo nelle attività di servizio all'estero.

In cooperazione con le forze politiche che condividono le stesse idee, vogliamo essere attivamente coinvolti nella lotta per preservare almeno l'ultima sovranità statale rimanente.

Sulla base dei recenti eventi (ad esempio, la qualità dei beni), si può affermare che le tradizioni del pensiero coloniale persistono nonostante affermazioni spettacolari sulla democrazia, relazioni economiche "vincenti".

Sosteniamo pienamente l'attuale lotta dei governi di Polonia e Ungheria per il mantenimento della sovranità nazionale.

La Federazione russa dovrebbe essere un partner importante di tutti i paesi europei e, ovviamente, della Slovacchia. Le sanzioni contro la Federazione Russa sono considerate fuorvianti, inefficaci e controproducenti nel contesto della guerra ideologica ed economica, e sono contro quelle contro coloro che le dirigono.

Sulla base di fatti storicamente provati, la rivoluzione del 1917 fu provocata da forze straniere. Identificare la Federazione Russa oggi con l'Unione Sovietica è un deliberato fraintendimento di ciò che sta accadendo nella Federazione Russa.

La cooperazione economica con la Cina deve essere costruita a un livello più alto.

Migliorare la qualità del servizio straniero, in particolare a livello di diplomazia commerciale, un rapido miglioramento della presentazione della Slovacchia, che attualmente riteniamo non qualificata, che rende la Slovacchia un paese quasi sconosciuto all'estero.

La cooperazione con l'Italia e gli Stati Uniti è una parte importante della nostra politica estera.

Con gli Stati Uniti, stiamo proponendo l'immediato reinsediamento dell'Ambasciata della Repubblica Slovacca in Israele a Gerusalemme come capitale pienamente legittima dello stato Israele.

Siamo aperti alla cooperazione con tutte le entità politiche del V4, dell'Europa e del mondo, che hanno almeno una parte del programma e degli obiettivi come nostro partito.